"Pensa da uomo di azione e agisci da uomo di pensiero" (Henri Bergson)

ElwaveSurfer

ElwaveSurfer con PART TIME TRADER è affiliato a WALL STREET ITALIA blog

domenica 20 gennaio 2013

FTSEMIB e dintorni - Analisi per il 21 gennaio 2013


QUADRO FONDAMENTALE

Le notizie salienti della settimana appena trascorsa:

USA: continua il braccio di ferro di Obama con i Repubblicani per il tetto del debito, mentre Bernanke dice che è urgente alzarlo; secondo Citibank, una eventuale insolvenza tecnica dello Stato si verificherebbe nelle ultime due settimane di febbraio; ipotesi da scongiurare, ma siamo ancora alle scaramuccie già viste sul Fiscal Cliff a dicembre;

GERMANIA; il treno tedesco rallenta; nel 4 trimestre 2012 calo del PIL dello 0,5%, che porta la crescita complessiva 2012 allo 0.7% dopo il 3,1% del 2011; il Governo, che fino a pochi mesi fa dichiarava che l'economia tedesca era immune dalla crisi per le riforme strutturali condotte ad inizio del 2000, taglia da + 1% a + 0,4% le stime di crescita del PIL nel 2013, il livello peraltro già previsto dalla Bundesbank.

Per la BCE la crescita nel 2013 sarà lenta e partirà nel secondo semestre, per il FMI invece la BCE dovrebbe allentare la sua politica monetaria, che invece Draghi non ha intenzione di cambiare tanto l'OMT annunciato a luglio non è ancora entrato in funzione.

ITALIA; la Banca d'Italia prevede nel 2013 un PIL in calo dell'1% dopo il calo del 2,1% nel 2012; le cause sempre le stesse: bassa domanda sia per consumi che per investimenti bloccata dall'impatto negativo delle ultime manovre finanziarie di estremo rigore.

CINA: il 2012 è stato l'anno di crescita più basso del PIL dal 1999, un "misero" 7,8% ma nell'ultimo trimestre la produzione industriale è aumentata del 10,3% trainata dal settore delle costruzioni, rinvigorito dal piano di stimolo dell'economia (120 MLD di Euro !) varato dal Governo cinese.
Vedremo se è un fuoco di paglia o un'inversione (lo Shanghai Index sembra impostato per un rimbalzo ma non ancora pronto per un bull market).



QUADRO TECNICO

Il movimento giornaliero e intraday di venerdì si è sviluppato secondo la mie previsioni più ottimistiche enunciate nel post precedente;
per lo scenario preferito, l'Indice sta completando (o forse ha terminato) l'onda 2 della [5] della iii ;
per il primo scenario alternativo, potrebbe essere nella 2 della Alt:[c] della Alt: iv pronto a ritestare l'area vicino a 17.190 (questo scenario è invalidato sopra ai 17.709)
E' quanto mai arduo tentare di individuare il possibile top di onda [5] cioè di onda iii (o Alt:v) e non so nemmeno se (ora) ne valga la pena.
Alzando lo sguardo ad un orizzonte di medio termine, le potenzialità di questo rialzo sono collegate, sul fronte interno, all'esito delle elezioni politiche ed alla possibilità per i vincitori di formare un Governo con una maggioranza decente anche al Senato, e sul fronte internazionale, alla soluzione del vero Cliff americano; 
i due mercati azionari più forti, l'SPX e il DAX , sono ormai prossimi a testare i massimi storici e questo, a mio avviso, è il peggior rischio per il nostro mercato, essendo in un Superciclo completamente sfasato (prossimamente pubblicherò il mio personale modello di analisi dei cicli di Elliott-Notley che utilizzo per le analisi di scenario e per il trading).





PORTAFOGLIO

Venerdì, in apertura, come preannunciato nell'ultimo post, sono entrato su MILANO ASSICURAZIONI (alla pagina Portafoglio), fermo il resto.

Buon trading... e prudenza!

ElwaveSurfer

Nessun commento:

Posta un commento